alla scoperta della fotografia
cerca nel sito
Accedi al sito
User
Password

Tutti Fotografi | Progresso Fotografico | Riviste Store | Zoom | Zoom 80 90 | Classic Camera | PC Photo | Abbonamenti
Prodotti | Servizi
Reflex | Compatte | Obiettivi
Centro Studi | Test Reflex | Test Obiettivi
Compito a Casa | Concorsi di Fotografia.it | Mi Piace Perché...
Il blog di Fotografia.it | A colloquio con la redazione
Concorsi | Mostre | Workshop
Registro Antifurto
Fotolibreria | Carrello | Abbonamenti
Skip Navigation Links
Dettaglio News
Data Pubblicazione: 24/10/2018

Corpo digitale, anima analogica. Ecco Leica M10-D
 

Le emozioni dello scatto a pellicola..ma con una fotocamera digitale. Leica prova a ripercorrere questa via con Leica M10-D, una fotocamera digitale a telemetro molto simile per caratteristiche a Leica M10-P.

Quella dell'anima analogica è una strada che Leica aveva intrapreso anni fa con il lancio di Leica M-D, la prima digitale senza display posteriore in assoluto, che incarnava la massima del "quando il fotografo Leica scatta ha già pre-visualizzato l’immagine e sa cosa attendersi". Ovvero quella dello scatto cieco, propria della fotografia analogica. Purtroppo la produzione di questo modello è stata sospesa solo due anni dopo il lancio. Ora però Leica ci riprova, ripresentando lo stesso concept di un tempo con numerose migliorie prese da Leica M10-P. Leica M10-D è infatti la diretta discendente di Leica M-D ma è dotata dello stesso sensore Full frame CMOS da 24 Mpxl e dello stesso processore Maestro II che si trova su M10-P. Sulla calotta vi sono solo un pulsante, quello di scatto, e due ghiere, quella dei tempi e quella degli ISO (da 100 a 6400); al centro una slitta, molto comoda per potervi posizionare il visore Visoflex e passare direttamente alla modalità di visione elettronica (a mirino). Sulla calotta trova spazio anche quella che in molti si ricorderanno come la leva di avanzamento della pellicola, ora trasformata in un semplice base d'appoggio: data la mancanza di una piccola impugnatura sul corpo, aprendola diventerà un comodo appoggio per il pollice. Chiaramente Leica M10-D, per ovvie ragioni, è a fuoco manuale.
Ma la caratteristica di base è l'assenza del display, al suo posto è infatti posizionata una doppia ghiera: quella interna per impostare la compensazione dell'esposizione mentre quella esterna comanda accensione e spegnimento e collegamento Wi-Fi.
Quest'ultimo è molto importante dato che per rivedere i propri scatti si passerà attraverso l'app Fotos (disponibile per iOS e Android): per accoppiare fotocamera e smartphone basterà scansionare dall'app il codice QR stampato sul fondello della M10-P, in modo da accedere alla visualizzazione live e al trasferimento delle immagini (file Jpeg e Raw Dng).

Immagine non disponibile

Immagine non disponibile

Immagine non disponibile

Immagine non disponibile

Immagine non disponibile

Immagine non disponibile
commenti (0)

Notizie Correlate:
07/03/2019 Leica Q2: compatta Full frame da 47 Mpxl
01/03/2019 Nuovo Leica SL 35mm f/2
18/01/2019 Pulire un sensore Leica con un kit marchiato Pentax: video rimosso!
22/11/2018 Leica presenta la nuova D-Lux 7
06/11/2018 Leica Q-P, una Q senza innovazioni
05/10/2018 [Photokina] L-Mount Alliance: intervista ai protagonisti di questo storico accordo
25/09/2018 [Photokina] Panasonic, Leica, Sigma: nasce la L-Mount Alliance
25/09/2018 [Photokina] Leica presenta la nuova medio formato S3
22/08/2018 Leica M10-P, senza bollino rosso ma con un nuovo otturatore
18/06/2018 Nuova Leica C-Lux con sensore da 1"
Bookmark and Share

© 2015 Rodolfo Namias Editore Srl. Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica riservati.
Rodolfo Namias Editore Srl si trova in Via della Guardia, cap 29012 a Caorso PC (Italy)
p.iva:01656840335 - tel:(+39)02.7000.2222 / fax:(+39)02.71.30.30 - info(chiocciola)fotografia(punto)it / abbonamenti(chiocciola)fotografia(punto)it
alla scoperta della fotografia
cerca nel sito
Accedi al sito
User
Password